1 - 7 da 7
Il Papa, secondo il solito, alla parola Concilio si arruffa, e scrive di mano propria allo Imperatore, essere cotesto partito pieno di pericolo dove fosse adoperato senza discrezione e non concorressero le circostanze capaci a renderlo vantaggioso; la Curia romana ne rimase sgomenta così, che gli uffizi rinvilirono tanto, da non potersene più cavare danari; dopo le solite ambagi conchiuse notificando al fratello dello Imperatore i principi da lui consultati non avere corrisposto; averne tenuto proposito anco al re Francesco, il quale era di parere non correre tempo propizio per cotesta facenda: così giusta al costume delle deboli menti, cresceva il male col differirne il rimedio. Anco lo scisma inglese fu consumato a cagione del suo continuo annaspare: invece di opporre rifiuto assoluto promise avrebbe compiaciuto il re, ma per allora bisognava non pensarci avendo la prospera fortuna levato lo Imperatore a stupenda superbia, e col precipitare nuova rottura con lui ne sarebbe accaduto l'eccidio totale del suo stato: starebbe alle vedette e quando qualche congiuntura favorevole gliene porgesse il destro lo servirebbe da buono amico come gli si era professato sempre; ma la congiuntura favorevole non venne; al contrario sempre più gli andarono le cose a rovescio; e poi l'agonia d'imporre tiranno alla Patria il suo bastardo gli fece scredere o non curare lo scisma inglese; tremenda cosa è questa, e non pertanto verissima, al preteso vicario di Cristo piacque più il servaggio dei suoi concittadini che la unit